Cena con i “vini del futuro” di Thomas Niedermayr


Cena con i “vini del futuro” di Thomas Niedermayr

Saranno i “vini del futuro” del vignaiolo altoatesino Thomas Niedermayr i protagonisti della cena in programma al Ristorante Flora di Verona (Stradone Scipione Maffei 8/c)  lunedì 10 aprile, in concomitanza con il secondo giorno di Vinitaly.

Così sono stati infatti definiti da alcuni dei più importanti critici enologici i vini derivanti dalle varietà di uve “Piwi”, acronimo del termine tedesco “pilzwiderstandsfähig” che significa “naturalmente resistenti alle malattie funginee”. Si tratta di vitigni ottenuti incrociando direttamente sulle piante diverse varietà di uve per ottenere grappoli capaci di difendersi da soli dall’attacco di parassiti e batteri, senza richiedere l’utilizzo di sostanze chimiche e neppure dei tradizionali trattamenti permessi in agricoltura biologica. Per questo i vini di Thomas Niedermayr, tra i primissimi viticultori ad aver avviato questa sfida in Italia, sono stati battezzati “vini del futuro” o “vini super bio”, in quanto rappresentano la strada maestra per chi vuole preservare gusto e naturalità nel bicchiere.

Al Flora sarà possibile cenare alla carta abbinando ai piatti vegan e gluten free del menù il Bronner, il Solaris o la cuvée Sonnrain di Thomas Niedermayr, che sarà presente per raccontare la sua esperienza in vigna e in cantina e proiettare alcune fotografie del suo lavoro quotidiano ad Appiano sulla Strada del vino (Bolzano).

Info e prenotazioni allo 045.8006300.

C'è 1 comment

Add yours